TAHINE DOLCE & SALATA

Questa ricetta è diventata un evergreen da quando l’ho fatta la prima volta.
Avevo assaggiato la tahine tanti anni fa a casa di amici come condimento per insalata. Mi era rimasta in mente e l’ho poi ritrovata come ingrediente dell’hummus di ceci, ho quindi ben pensato di imparare a farla direttamente invece di comprarla!
Sono partita da una ricetta trovata on line ed ho poi affinato la mia personale ricetta, facendone una versione salata ed una anche dolce.

Ingredienti:

250g sesamo bio bianco e nero
50ml olio di sesamo
4/5 datteri per la versione dolce

Si può usare anche solo il sesamo bianco o solo quello nero, testando le varie ricette ho constatato che il mix dei due dona un sapore migliore.
In una padella antiaderente bella calda tostare per qualche minuto, finchè non si sente uno scoppiettio e il sesamo si scurisce leggermente. Non bisogna esagerare con la tostatura altrimenti il sapore diventa amaro.

Per tritare il sesamo utilizzo un macinasemi, in questo modo si ottiene una farina di sesamo che poi ripasso nel mixer con gli altri ingredienti. Inizialmente usavo solo il mixer e frullavo più a lungo per ottenere un composto cremoso. Con il macinasemi si ottiene una vera e propria farina e si velocizza il processo, unica pecca è poco capiente quindi bisogna ripetere l’operazione varie volte.wp_20161129_18_33_53_pro_granola-tahine

A questo punto aggiungo l’olio di sesamo e lo faccio amalgamare per un paio di minuti col mixer.
Dopo vari test ho scelto l’olio di sesamo perchè trovo che amplifichi l’aroma del sesamo. In alternativa si può usare un qualsiasi olio di semi: li ho sperimentati quasi tutti, eviterei l’olio di cocco e l’olio d’oliva perchè il loro sapore si sente molto e rischia di prevalere su quello del sesamo.
Quando si raggiunge la consistenza desiderata la tahine è pronta.
Suggerisco di versare l’olio a poco a poco e mescolare manualmente per testare la consistenza perchè all’occhio sembra sempre più densa di quello che è in realtà. Per renderla più cremosa basta aggiungere un po’ d’olio.
In casa usiamo la versione salata per fare l’hummus di ceci, per condire insalata o come salsina di accompagnamento.wp_20161129_18_40_15_pro_tahine

Per la versione dolce bisogna aggiungere alla versione “salata” 4/5 datteri e frullare per bene il tutto.
Non amo i gusti particolarmente dolci quindi per aumentarne la dolcezza basta aggiungere qualche dattero. Et voilà anche la versione dolce è pronta!
Questa cremina è ottima sul pane o su crostini o anche a cucchiaiate!

In alternativa ai datteri ho provato a farla con zucchero di canna, sciroppo di riso, sciroppo d’agave, miele e altro ancora . Ogni dolcificante ha le sue caratteristiche e conferisce alla tahine un gusto proprio: ad esempio il miele si sente molto nel sapore e e lo sciroppo di riso la rende un po’ impaccata.
Per il mio gusto personale e per il mio desiderio di partire il più possibile dalla materia prima senza troppe trasformazioni, la versione con i datteri rimane la mia preferita.

 

 

 

 

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s